materiali per ristrutturare casa

Materiali per ristrutturare casa

Ristrutturare casa non è un compito semplice. I lavori possono essere stressanti, bisogna considerare costi ed un fattore che incide sulla spesa sono i materiali per ristrutturare casa. Quali scegliere?

 

Acquistare determinati materiali per la ristrutturazione è una scelta fondamentale che si andrà a compiere. E’ bene spendere molti soldi o è possibile risparmiare senza rinunciare alla qualità?

materiali per ristrutturare casa

Quali materiali per ristrutturare casa?

Partiamo dai rivestimenti, quelle parti che saranno lo sfondo della casa ma che non per questo sono meno importanti. Anzi, necessitano a maggior ragione di essere curati nei minimi dettagli. Se parliamo di pavimenti, la tendenza degli ultimi anni è quella di una superficie continua, senza fughe ed interruzioni. Le piastrelle, quindi, benché ancora rintracciabili se si desidera un pavimento con quell’effetto, sono passate di moda e i materiali più richiesti sono legno, ceramica, pietra e resina.

 

Il parquet è un materiale disponibile in varie tipologie. Il più tradizionale è in massello: grezzo, viene venduto in listelli che vanno posati e levigati.

Il vantaggio è che circa ogni dieci anni è possibile levigare nuovamente il pavimento per ottenere un parquet praticamente nuovo, ma poiché questo sia possibile bisogna considerare lo spessore iniziale del pavimento. Ogni levigatura infatti può togliere 1 mm dallo spessore totale.

Lo svantaggio di questa tipologia è il tempo necessario per la messa in posa e le energie che richiede la manutenzione del legno, nonché i costi di tutto ciò.materiali per ristrutturare casa

Un tipo diverso è il parquet prefinito, preparato in listelli composti da due strati di legno, uno povero e uno nobile, pronti per essere posati. Si riduce in questo modo la tempistica della posa poiché non c’è la necessità di levigare il legno, ma di contro si otterrà un pavimento meno resistente e durevole del parquet tradizionale.

In generale il pavimento in legno è un’ opzione costosa, che ha bisogno di un’assidua manutenzione, motivo per cui vi consigliamo di considerare attentamente queste due variabili prima di scegliere di comprarlo per i vostri pavimenti.

C’è comunque molta variabilità di prezzo in base alla tipologia di legno scelta, e un’alternativa più economica è il parquet laminato, rivestito da uno strato superiore di plastica, che lo rende resistente e a buon mercato. Il legno è un materiale termico, caldo in inverno e fresco in estate, quindi perfetto per coloro che vogliono mantenere la propria casa sempre alla temperatura ideale.

 

materiali per ristrutturare casaAnche la ceramica offre un ampio ventaglio di alternative tra cui scegliere. A seconda della diversa lavorazione si può ottenere:

*la terracotta, che comprende il cotto e la monocottura, ideali per chi volesse creare un ambiente rustico e accogliente,

*la maiolica, perfetta per scopi decorativi grazie al suo rivestimento in smalto colorato,

*il gres, un materiale impermeabile, antigelo e molto resistente. Ultimamente è assai utilizzato negli appartamenti moderni per le sue funzionalità, la resistenza alla rottura, ad abrasioni e a grandi pesi, e per l’aspetto estetico minimal che si adatta a molti tipi di arredamento. Si può inoltre scegliere un gres porcellanato, che è quasi del tutto vetrificato. La particolare resistenza del materiale lo rende adatto anche al rivestimento di ambienti esterni.

La ceramica è un importante rivestimento non solo per i pavimenti, ma anche per le pareti e in molti casi le principali strutture funzionali di bagno e cucina. I sanitari realizzati con le terraglie sono molto diffusi, così come le piastrelle di maiolica per le pareti.

Scegliere di comprare insieme la ceramica per il rivestimento delle pareti e per i sanitari è un metodo per risparmiare un po’ sui costi. Le ceramiche sono meno costose del legno come rivestimento e sono facilmente reperibili nei magazzini specializzati. Sono la soluzione più adatta per chi cerca uno stile semplice e pulito.

 

Di grande impatto e classe è invece il pavimento in marmo, che gli amanti dell’estetica adoreranno per le sfumature cromatiche uniche di ciascun blocco. Il marmo è capace di nobilitare tutta la casa, dando a primo impatto l’idea di un’abitazione sofisticata. Meglio che non lo consideriate tra le vostre opzioni, invece, se il vostro budget è limitato o se non siete in grado di provvedere alla manutenzione di questo materiale così delicato, a rischio di essere rovinato e macchiato. Non essendo impermeabile, è sconsigliato per cucine e bagni.materiali per ristrutturare casa

Un altro materiale da utilizzare per i pavimenti può essere la pietra, che mette d’accordo tutti i tipi di budget: la pietra naturale è più costosa perché più pregiata, mentre la pietra ricostruita è più economica ma offre lo stesso effetto scenografico. Le pietre più utilizzate sono la quarzite, il basalto, il porfido e la granite. Anche in questo caso, la resistenza del materiale è molto alta e il valore estetico premia chiunque compia questa scelta.

 

Il pavimento in resina è l’opzione più resistente per chi desidera un pavimento longevo. Non si macchia, è in grado di sopportare stimolazioni chimiche e fisiche, ed è disponibile in varie tipologie (colorato, lucido, opaco, eccetera).

Nonostante la sua resistenza intrinseca, il rischio di ingiallimento è grande e si manifesta fin dai primi tempi. Non scegliete questo pavimento se non volete preoccuparvi delle particolari pulizie per evitare l’eventualità d’ingiallimento precoce. Inoltre, lo strato di resina è spesso appena 3 mm e non è dotato di un corpo proprio, quindi è necessario che il supporto inferiore sia adeguato a sostenerlo.

 

Quali materiali per i rivestimenti?

Per quanto riguarda i rivestimenti per le pareti di casa, i materiali sono sostanzialmente gli stessi che per i pavimenti, ma i fattori da considerare sono diversi. La scelta dei rivestimenti in questo caso dipende molto di più dall’effetto estetico prodotto dal materiale che dalla sua resistenza. Un rivestimento in perlinato quindi sarà perfetto per creare un ambiente accogliente e caldo, mentre la scelta della pietra può risultare più fredda, ma dare all’ambiente un aspetto rustico e semplice.

materiali per ristrutturare casa

Le maioliche sono molto decorative e ricordano gli ambienti arieggiati del sud Italia e della Spagna, mentre i mattoni possono rendere caratteristica qualsiasi parete. Tutti questi materiali potrebbero essere utilizzati per creare un ambiente tradizionale o moderno, magari giocando sui contrasti cromatici e di texture. In questo caso sta al vostro gusto scegliere il rivestimento che si adatti meglio alle esigenze di casa vostra.

Si tenga conto che il costo dei materiali è equivalente a quello dei pavimenti; chi cercasse soluzioni più economiche può scegliere la classica carta da parati, disponibile in tutti i colori, le fantasie e le texture possibili, o altrimenti i pannelli prefabbricati dei materiali sopra citati. Questi pannelli sono facili da reperire e da posare, oltre ad essere economici.

 

materiali per ristrutturare casaConsiderando l’ambiente del bagno, c’è tutta una serie di strutture necessarie a cui bisogna pensare nel ristrutturare la casa. La ceramica per anni ha imperato nel mercato dei sanitari, e continua ad essere la scelta più sicura per chi dal bagno chiede principalmente funzionalità.

Ultimamente sul mercato sono approdati altri materiali da utilizzare negli accessori del bagno, come ad esempio la resina di cemento, un polimero resistente all’acqua, ideale per il piatto doccia o per i lavandini. Inoltre una nuova frontiera dell’arredamento del bagno propone piani d’appoggio e lavandini in legno: grazie a speciali tecniche di trattamento, il legno viene reso impermeabile all’acqua in modo tale da non rovinarsi con il passare del tempo.

Infine, anche l’acciaio inox è un materiale che alcuni si sono azzardati a metter nel proprio bagno: se volete un aspetto moderno dalle forme pulite, questa è la soluzione che fa per voi.

 

L’acciaio è un materiale utilizzato molto anche per le cucine, è resistente e forte ma, come per il bagno, va pulito con una certa regolarità poiché viene macchiato facilmente dal calcare lasciato dall’acqua. Se cercate un’alternativa più facile da pulire, meglio optare per la ceramica o il gres, dalle classiche piastrelle alle lamine dallo stile molto moderno.

Il legno può essere ampiamente utilizzato per i mobili della cucina, ma per il piano cottura è un po’ rischioso: si rovina in fretta e corre il rischio costante di deformarsi con l’umidità. Al posto del legno sono molto più adatte le pietre dure come il marmo e il granito, che resistono molto bene agli urti e donano un aspetto classico all’ambiente.

Il laminato riassume tutte le caratteristiche positive degli altri materiali: idrorepellente, resistente a graffi e abrasioni, può imitare le fattezze del legno, della pietra e della ceramica, senza esserlo davvero.

Lascia un commento